TamTam numero 4: Viaggiare, fuggire, cercare

L'ultimo dei Buendìa  /   /  Di Paolo Patui

Siete pronti? Noi sì! Venerdì primo luglio esce un numero speciale di TamTam: dodici pagine che vi terranno compagnia nei mesi di Luglio e Agosto!

VIAGGIARE CERCARE FUGGIRE il tema affrontato in TamTam numero 4, ma non temete: TamTam non vi darà la classifica delle 10 spiagge più belle, dei 9 ristoranti imperdibili, delle 8 discoteche da (s)ballo e nemmeno dell’ultimo monastero dove rintracciare l’anima perduta nei meandri della quotidiana frenesia. TamTam ci chiede invece che viaggiatori siamo: organizzati o disorganizzati? entusiasti o rassegnati? inglobati in pacchetti vacanza che organizzano la nostra giornata al posto nostro o spavaldi esploratori di percorsi e strade, luoghi e persone, sentimenti e esuberanze?

All’interno firme nuove e intriganti: quella prestigiosa e sagace di Emilio Rigatti, quella acuta di Roberta Corbellini, fino a quella autorevole di Paolo Nicoloso che esplora una Lignano che nei progetti di Marcello D’Olivo avrebbe dovuto essere “una città sulla luna”. Ma TamTam espande i propri confini fino a Trieste, da cui ci scrive Luigi Nacci, l’ideatore straordinario del Festival della Viandanza e finanche a Pordenone con una nuova scheggia vibrante di passione firmata da Juri Dal Dan. Ma TamTam scrive anche di e da terre lontane: dalla Spagna con un rocker d’eccezione come Massimo Priviero, dall’Inghilterra grazie a Michele Fiascaris e Michele Medeossi. E poi dove la trovate una terza pagina così che fresca di Cocktail e letteratura? Grazie ai nuovo collaboratori e alle sue firme storiche TamTam vi invita davvero a una “bella estate”, ovvero a viaggiare senza meta, a viaggiare alla ricerca di qualcosa che non s’era mai visto né sentito, di farvi schiaffeggiare dal vento di una spiaggia in pieno inverno, di prenotare una camera d’albergo sapendo esattamente che non dormirete lì quella notte.

Insomma da cosa fuggiamo? Che cosa cerchiamo nella solitudine silenziosa dei monti e tra gli spruzzi rumorosi di una scogliera? O non sono forse anche questi luoghi comuni da sovvertire alla ricerca di un mare immobile e muto e di una cima che si arrampica fra nuvole vocianti come uno juke box che non conosce silenzio?

I contenuti del quarto numero di TamTam, in edicola da venerdì 1° luglio.

Andrea Muston per TamTam

Del vago andare

Andare oltre misura per misurare se stessi. Sì, viaggiare. Non necessariamente “evitando le buche più dure”.

Angelo Floramo

Nati per correre, ma senza biglietto

In questi ultimi tempi la letteratura di viaggio ha trasformato la narrazione di memorialisti e cronisti in capolavo- ri considerati inestimabili. A volte a ragione, molte volte a torto.

Paolo Patui

Quando c’era il popolo dell’autostop. Adesso c’è il BlaBlaCar

Tutti facevano autostop, non solo i ragazzi. Era un mondo che aspettava sul ciglio della strada e un mondo che si fermava facendo salire sull’auto o sul camion.

Paolo Medeossi

Quattro passi in un’estate di cocktails e giardini esotici, assieme a Ernest

Ernest Hemingway è il più celebre fra gli estimatori di tutto ciò che si possa inventare partendo da una sorsata di rum, anzi ron alla spagnola.

Paolo Medeossi

Sbornie famose e Sangue morlacco

Qual è il rapporto tra alcol e letteratura? Bella domanda alla quale Mauro Corona, alpinista, scultore e scrittore di Erto, ha dato una intrigante e articolata risposta.

Milio Bortolus

“Il mondo di ieri alla pensione Fortino con Auchentaller e i tramonti sospesi della Secessione”

Siete ancora in molti, voi dell’area germanica, a ricordarvi dei fasti dell’Isola d’oro. Di quell’onda magica di inizio Novecento in cui Grado era meta di eleganza mitteleuropea…

Allegra Castelli

In Basilica memorie e canti di pescatori, boreto e intrecci di fortune

Grado sarà sempre dentro il vestito migliore, se rimarranno le voci a ricordare memorie: parole di pescatori e attese e intrecci di velme e tamerici salmastre. E una Callas icona.

Elena Commessatti

Amori in biblioteca

C’era una volta un uomo giovane bello, ma un po’ scapestrato, un po’ banderuola com’ebbe a dire il buon Lorenzo.

Manuela Malisano

Mariute in laguna

Grado e Venezia, straordinaria storia la loro, molto intrecciata fin dalle origini, e a un certo punto conflittuale, a causa del cinema e di… Pasolini.

Milio Bortolus

Il qui e l’altrove, il collezionismo e l’aldilà

Chi è più coraggioso, temerario, incosciente? Chi si mette in viaggio per attraversare il Tagikistan in solitario o chi si siede davanti al computer per scrivere delle riflessioni sul viaggio? Beh, a mio avviso il secondo.

Emilio Rigatti

Quando la Giustizia voltava le spalle al Palazzo

Il giapponese Tatzu Nishi ha creato per noi una installazione/performance a parecchi metri di altezza per piazzare la statua della Giustizia.

Roberta Corbellini

Il sogno di andar per paesi vuoti

Ipotizzo itinerari immaginari di un mondo che non c’è, che è scomparso, invisibile, non rintracciabile su google maps, senza più una geografia che lo sorregga, che ne verifichi l’esistenza.

Mauro Daltin

L’arte o la paura di viaggiare

Tutti insieme cercavano l’ignoto, tutti insieme dovevano sfidare la sorte, ma poi tornare al rassicurante noto.

Luca Ponti

Australia

Davanti a me le montagne che erano piene di neve e pareva mi venissero addosso. Voltai la testa verso destra e vidi un campo di terra rossa scuro. Abbassai la testa e presi a pedalare verso Est.

Mauro Daltin

La venditrice di ciliegie

Era luglio, ma non sembrava luglio. Il cielo grigio era grigio da mesi. Da prima che lui giungesse a Cesky Krumlov. E ora la via principale lo guardava.

Alessandro Venier

Regio cacciatorpediniere Zeffiro

Pietro conta. Centotrenta lire. Non bastano nemmeno per un biglietto di terza classe, ma lui ha deciso. Vuole per suo figlio una vita più facile.

Mariaelena Porzio

Apro un libro e spicco il volo…

Non tutti possiedono il “dono dell’astrazione” o una dose adeguata di fantasia, e forse è anche per questo che molti ricorrono a sostanze e metodi più o meno legali

Veronica Narduzzi

Le vacanze barbariche

E come dimenticare il viaggiatore perennemente connesso? Chino sullo smartphone alla ricerca della brasserie perfetta senza vedere le strade che gli scivolano sotto gli occhi.

Silvia Sacher

L’iniziazione: il Jazz è musica per anime dannate

Entrai ancora infreddolito nel locale stracolmo, gli occhiali mi si appannarono e con impaccio mi sbarazzai della mia merdosissima giaccavento: la musica era già cominciata.

Juri Dal Dan

Velazquez, il calcio e l’eterna questione delle ceneri di Cristoforo Colombo

Dunque a questo punto consideriamo pure la fuga nella sua valenza positiva, aggiungendola al viaggio ed alla ricerca che più facilmente ci fan pensare a qualcosa di bello e di necessario.

Massimo Priviero

Perdersi a Trieste. A piedi

Trieste è una città per viandanti? No. Però è una città di viandanti, lo è sempre stata. Soldati, mercenari, mercanti, transumanti, pellegrini …

Luigi Nacci

Intervista all’incontrario

Carlos Santana mi guarda, muove un baffo e mi fa l’ultima domanda: “Sono io che ho sbagliato festival o è il festival che ha sbagliato ospite?”

il reporter di provincia

Separazioni

Aveva inforcato la bici e, senza salutarla o girarsi, traballando per il peso del bagaglio, se n’era andata.

Maria Aldrigo

Soliti concerti? Ci pensa il marketing dell’evento

Se trascorro la sera a ballare a Palmanova e il giorno dopo sono attesa a Sutrio, potrei approfittare delle ore che dividono i due appuntamenti girovagando per la Bassa friulana.

Anna Dazzan

Per mare e per terra, come in un libro

Immersi nel benessere della contemporaneità, schermati dai muri delle tv, non vogliamo ammettere che anche i friulani hanno subìto medesimi soprusi e traversie.

Carlo Londero

A Fulham road tra espatriati, scoprendo che l’Italia piace

Un cuoco del Sud una volta mi disse: “Fino a dieci anni fa qua c’erano solo italiani da Roma in giù, adesso siete arrivati anche voi del Nord”.

Michele Medeossi

Giulio Regeni è figlio di tutti noi

Giulio è cresciuto a Fiumicello, in una comunità solidale e aperta alla partecipazione dei giovani alla vita collettiva ed è approdato sedicenne al Collegio del Mondo Unito del New Messico.

Barbara Vuano

Un immaginario moderno, ecco come è nata la città sulla Luna

Una grande curiosità lo attira a visitare la nuova città che l’amico Marcello D’Olivo ha tracciato nella pineta di Lignano.

Paolo Nicoloso

A Lignano io ricomincio da zero

Se mi chiedessero di spiegare cosa significa per me Lignano, la paragonerei a una bolla, a un mondo a sé, dove si fa a meno dello stress, del solito tran tran e delle solite persone.

Chiara Gazziero

Sopra Aquileia, cercando il regno della Bellezza

Avrebbe potuto virare, tornarsene a casa, reimmergersi nel cielo sopra il Torre, lasciarsi alle spalle il foro romano. Laggiù, là sotto, c’era una piatta distesa con tutte le gamme dell’azzurro.

Maria Bruna Pustetto

Nostalgia del Blasco

Vasco torna in te, stai dicendo cose giuste, sagge, necessarie nella loro ovvietà, ma perché tu? Dai, torniamo nel calduccio sgangherato del Roxy bar dove tutto è cominciato.

Odette Pannetier

Una cartolina con parole di sole o di neve

Era il primo viaggio che facevamo, lasciavamo il paese per attraversare l’intero Friuli, un fatto straordinario per le nostre emozioni.

Gigi Maieron

Il miôr furlan

Ce bon pro a si furnìs a la lenghe di cheste tiere fasint une classifiche dal furlan plui furlan di chei altris?

Il furlan cjastron

Terre di confine

Ci hanno chiamato “La carovana degli artisti”, la nostra meta era Idomeni: l’ex campo profughi più grande d’Europa, sul confine di filo spinato tra Grecia e Macedonia.

Silvia Polo

About the Author

Paolo Patui insegna pur avendo ancora molto da imparare; legge e scrive LeggerMente e senza esagerare. Spera di non diventare famoso. Soprattutto dopo morto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui per visualizzare la privacy policy.